“Le Stesse Persone”

The Poem

Tratto da “Maree Oniriche” (2016) Streetlib Publishing

Perdi le ore su un altro mio errore,
Mi accorgo di te dal mio freddo balcone
Ché tutto da ieri ha già perso calore
Ma, sai, rimaniamo le stesse persone.

Come diventa più facile odiarsi
Dopo i millenni passati ad amare,
Forse sarà che siam solo più stanchi
Dell’unica cosa per cui vale lottare.

Perdo le ore su un altro canale,
Ti accorgi di me dal silenzio tombale
Che avvolge i tuoi passi e il tuo cellulare
Ma, sai, rimaniamo le stesse persone:

Io un solito e instabile scarso poeta
Con tasche di rime e di fiabe;
Tu anima candida e cheta
A cui continuo a far troppo male.

Photo by Olya Kobruseva on Pexels.com