“Foglie di Carta”

The Poem

Tratto da “Maree Oniriche” (2016) Streetlib Publishing

Vanno via tutti, mi siedo sul tenue
Sorriso che nonostante vesto
Chiedendomi se son desto
M’alzo, volo, cado e resto

Con foglie di carta essiccate al sole
Di quell’ultimo mese d’inverno
Dal quale rubo umore e parole
Fredde per descrivere l’inferno
Che qui passeggio come aiuole
A passo lento e quasi fermo
Per non calpestar le viole
Seminate con speme e ritegno.

Photo by Sameera Madusanka on Pexels.com