“Ferite”

The Poem

Tratto da “Squali Arboricoli” (2014) Streetlib Publishing

Ricordami il perché
Delle grida
Che mi stordiscono,
Che mi accompagnano al suolo,
Vuoto,
Stanco come un sentiero
Dopo la fuga dei cervi
Ché ancora non ho risposte
A domande che non hai fatto
Ma solo croste
Di ferite che m’hanno inflitto;
Ciechi fucilieri
Assoldati per sbaglio;
Nel groviglio di un niente
Giaccio,
Sbadiglio e mi inchino
Sognando di non sognare.

Photo by cottonbro on Pexels.com