Briciole: “Coriandoli”

Avrebbe dovuto sorgere anche stamattina
Come mi promise ieri, sussurrandomi
Di aspettarlo sulla stessa, solita panchina,
Ov’ora muoio al freddo, tra pile di coriandoli.

12.02.2021

Continua a leggere “Briciole: “Coriandoli””

The Abandoned House

This old mansion’s, Very tall, And you see mould, On every wall, Loads of rubbish, Will be found within, For people see it, As a bin, Usually you’ll find, No-one inside it, Maybe an urban explorer, Maybe a spider, And most sad of all, Though you may want it, There’s no ghosts, This house isn’t […]

The Abandoned House

Io sono incapace

Spesso facciamo pensieri su noi stessi del tipo: sono incapace, sono fragile, sono inadeguato, sono colpevole, sono stupido, sono sfortunato, ecc. O pensieri simili del tipo: non sono amabile, non valgo niente, non merito amore, non sono all’altezza, non ce la farò, ecc. Sono pensieri e credenze su se stessi più o meno consapevoli. Così […]

Io sono incapace

l’ora

di fiancodove prima c’eri tunon c’è nulla: il molto incontrò il pocoe lo derubò anche di ciò chenon aveva non occorre saperedove ho perso la facilità di medove l’ ho gettatamentre credevo di averla in pugno  deragliano voli d’alila vespa punge mentre salta alla cordasul mio difficile come manca quell’ora! l’ultimo gestoattende l’ora che qualcunolo compia

l’ora

The Not-So Apocalyptic Credibility of the Eternally Sorry One

Here’s the story of a dizzy world, mistakes, and bootleg chocolate. The mistakes we make rarely cause World War III, at least not in this universe. There is, of course, a possibility that there exists a multiverse. That, for every decision we make, an alternative universe is created where a different choice was made. You […]

The Not-So Apocalyptic Credibility of the Eternally Sorry One

[Reblog] ma alla tredicesima riga

un po’ preso dall’accudimento al vecchio padre, mi manca lo slancio per scrivere; ma in fondo che significato ha l’atto dello scrivere per l’umana esistenza? anzitutto l’essere umano scrive per un gesto culturale, artificiale, cioè l’insegnare ai bambini a leggere e scrivere (non si nasce lettori e scrittori); tutto questo così da formare cittadini da […]

ma alla tredicesima riga